Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Progetto 'Prestito della speranza'

PRESTITO DELLA SPERANZA

Il "Prestito della Speranza", promosso dalla CEI Conferenza Episcopale Italiana, è un fondo di garanzia per le famiglie e piccole imprese.

Il P.D.S. è nato nel 2009 per far fronte alle necessità finanziarie sempre crescenti di persone/famiglie in difficoltà, e in effetti si è dimostrato efficace perché ha creato un meccanismo virtuoso attraverso il quale la persona beneficiaria del piccolo prestito si sente valorizzata e capace di riscatto attraverso la ricerca di un'occupazione-lo studio-altro.
L'impegno alla restituzione, che decorre dal 2° anno dall'erogazione del prestito per un massimo di Eur 7.500,00 per le persone-famiglie, e di Eur 25.000,00 per l'avvio di micro imprese, genera un nuovo plafond che viene messo a disposizione di altri richiedenti, e quindi  innesca un circuito virtuoso a beneficio di nuove situazioni, e soprattutto indica che il progetto è sostenibile da  parte delle persone.

L'esperienza di questi anni ci racconta che il prestito in Italia ha raggiunto e finanziato 4.500 micro-progetti, per un totale di 26milioni di Euro, pertanto si può tranquillamente definire il "Prestito della Speranza" come una forma di micro credito locale-territoriale, che raggiunge diverse categorie di persone in condizioni di vulnerabilità economica.

Il P.D.S. coinvolge direttamente le Caritas Diocesane che sono il punto di riferimento locale del progetto; in particolare qui a Carpi abbiamo fatto da collettore delle richieste che provenivano sia dal territorio diocesano che dal di fuori (Modena).

Il nostro impegno si concretizza attraverso l'incontro diretto e il dialogo con le persone richiedenti: si tratta di conoscere e capire le motivazioni per le quali nasce la richiesta del prestito. Dopo aver fatto le valutazioni necessarie, e ritenuti idonei i requisiti per l'erogazione, il passaggio successivo per un ulteriore processo di valutazione e selezione avviene in collaborazione con l'associazione Vobis (bancari in pensione che affiancano chi fa più fatica).
Sono stati anche introdotti nuovi "criteri di bancabilità" per poter consentire a più persone/famiglie di poter accedere al credito.

Situazione PRESTITO DELLA SPERANZA A GIUGNO 2016 di CARITAS CARPI:

Le persone che attualmente si rivolgono alla Caritas Diocesana per il prestito sono sia italiane che straniere

  • a fine 2015 è stato erogato un “credito all’impresa” per l’avvio di un’attività commerciale di prodotti freschi
  • nel corso dell’anno 2016 sono stati attivati 3 nuovi prestiti a famiglie e singoli, mentre altre 2 pratiche sono in corso di valutazione

 

In precedenza fino a LUGLIO 2015 con CARITAS CARPI:

  • LogoErogati a 5 persone italiane e straniere un totale di Eur 24.750 con "credito sociale"
  • È in corso di valutazione un "credito fare impresa" per consentire una persona straniera di partire con una piccola attività propria

 


Riportiamo l'art.9 della CONVENZIONE PER L'ATTUAZIONE DEL PROGETTO "PRESTITO DELLA SPERANZA" PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA:

  1. Le Caritas, attraverso la propria rete territoriale, garantiscono le finalità di carattere ecclesiale, solidaristico e sussidiario del Prestito della Speranza 3.0; svolgono attività di incontro dei potenziali beneficiari dei prestiti verificando la sussistenza dei requisiti di cui all’allegato A oppure quelli eventualmente previsti nell’ambito di una Iniziativa Sperimentale, istruzione delle domande, valutazione della sostenibilità delle domande, e ne approvano l’ammissione al prestito, nel tempo limite indicativo di sette giorni di calendario; a finanziamento concesso, realizzano le fasi di accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio dei prestiti erogati.

  2. Svolgono inoltre attività di formazione coordinamento delle Reti Fiduciarie al fine di fornire loro gli strumenti necessari alla corretta valutazione della possibilità di superamento dello stato di vulnerabilità economica da parte dei soggetti richiedenti e ne convalidano le ammissioni al prestito. Collaborano con VO.B.I.S. per l’ottimale coordinamento delle attività sia verso i beneficiari che verso le Banche.

 

CONTATTI

Per informazioni e appuntamenti rivolgersi a CARITAS DIOCESANA DI CARPI

Telefono: 059-644352

 
Questo articolo è stato letto: 1508 volte

Rapporto sulle povertà

SocialHousing

Protetto

Servizio civile volontario

Terremoto 2012

Crocevia di Pace

Collaborazioni

Laboratori scolastici

Progetto 'Carpi non spreca'

Progetto 'Solidarietà al lavoro'

Progetto 'Prestito della speranza'